La Kawasaki W650 è l’antenata dell’attuale W800. Presentata nel 1998 in Giappone per poi debuttare nel 1999 negli Stati Uniti, in Europa e Canada precedette di oltre due anni Triumph, Ducati e Moto Guzzi nella realizzazione di una bicilindrica dallo stile retrò.
Qui nel Vecchio Continente, la W650 restò in commercio fino al 2006 a causa di alcuni cambiamenti sulle normative dei motori per motocicli che non ne permisero più la commercializzazione. Negli Stati Uniti restò sui listini per solo un anno, mentre in Giappone venne venduta fino al 2010, per poi essere sostituita nel 2011 dalla W800.
Come l’attuale generazione, la W650 presentava la Sella con nervature, gli stemmi cromati sul serbatoio e le protezioni in gomma.
Per quanto concerne il motore, questo era avviabile elettricamente o con manovella. Era un 4 a tempi, bicilindrico a V con 675 cm cubici di cilindrata e con un alesaggio ed una corsa pari a 72.0 x 83.0 mm.
La trasmissione è un 5 rapporti. Il propulsore ha inoltre una potenza massima di 50 cavalli a 7.000 giri e una coppia di 56 Nm a 5,500 giri.

In Giappone fu proposta anche nella versione W400, di cui parleremo meglio un’altra volta.

blog comments powered by Disqus